Monterusciello: The New Town

Renata Lopez e Valentina Solano

OBIETTIVO PERIFERICO – Institute for Urban Variations and the Architectural Systems

ABSTRACT

L’intervento di Monterusciello si rese necessario all’inizio degli anni ’80 per rispondere in tempi brevi all’emergenza-alloggi di un rilevante numero di cittadini puteolani costretti ad abbandonare le proprie case per gli effetti catastrofici del bradisismo1. Il Ministero per il Coordinamento della Protezione Civile, con la Facoltà di Architettura di Napoli guidata da Agostino Renna, si occupò di progettare e realizzare ventimila alloggi da consegnare agli sfollati del centro storico di Pozzuoli. Come scrisse lo stesso Renna «[…] Proseguendo nella logica, rilevata sul territorio flegreo, di un sistema urbano costituito da una trama di piccoli nuclei, il nuovo insediamento costituisce un ulteriore polo di questo sistema, l’ultimo nella successione delle aree edificate ma anche il primo che si apre verso la campagna»2 . Il complesso, pensato come una parte definita di città in un territorio in cui dominavano interventi anonimi e disordinati, fu progettato secondo un sistema “a mosaico” con trama modulare e costruito su rapporti armonici, regolati da edifici monumentali che avrebbero dovuto ospitare funzioni collettive. Questi ultimi nel tempo sono stati abbandonati all’incuria, acuendo il carattere di “quartiere dormitorio” dell’insediamento. Il senso di spaesamento derivato da questo fenomeno ha contribuito alla perdita di quell’effetto-città3 che apparteneva all’immaginario figurativo degli abitanti di Pozzuoli. Nonostante l’obiettivo di Renna fosse quello di «accogliere e rassicurare», i residenti di Monterusciello non hanno mai completamente accettato la nuova condizione abitativa, vedendo il quartiere come un luogo di passaggio e non come una sistemazione definitiva.

Note
1 Bradisismo: s. m. [comp. di bradi- e -sismo]. – In geografia fisica, lento movimento della crosta terrestre che determina un abbassamento (b. positivo) o un innalzamento (b. negativo) del suolo rispetto al livello marino; ne consegue, nel primo caso, l’ingressione del mare, con formazione di particolari tipi di coste (a rias, a valloni, ecc.), nel secondo la regressione, con formazione di terrazzi marini, ecc. I bradisismi sono in genere connessi con fenomeni geologici, ma effetti simili si possono avere anche per variazioni del livello marino.
2 Agostino Renna in “Monteruscello. L’impianto urbano e gli edifici pubblici” a cura di Francesco Escalona e Dora Francese, con introduzione di Uberto Siola e scritti di Agostino Renna, Progetto Pozzuoli, Quaderni di documentazione, n. 3, Giannini, Napoli 1987
3 Effetto-città: concetto proprio della valutazione qualitativa degli insediamenti residenziali, che fonde insieme le istanze socio-culturali e quelle architettonico-urbanistiche.
pp. 103-130, in particolare la tavola tra p. 128 e p.129., 1980

Il quartiere appena costruito. Fotografia tratta da Domus n.674 Luglio/Agosto 1986.